I fan finanziano Gischler ed entrano nel suo nuovo libroSe avete sempre sognato di essere l’eroe di un romanzo, eccovi accontentati. Almeno in parte. Con cinquecento euro (meno del costo di un iPhone), lo scrittore noir Victor Gischler potrebbe dare il vostro nome al protagonista del suo prossimo romanzo. Autore di culto negli ambienti hard boiled e cintura nera di arti marziali, Gischler, 43 anni, ha fatto appello alle tasche dei suoi fan per finanziare il sequel di Black City (Newton Compton), uscito nel 2008 in America con il più felice titolo “Go-go Girls of the Apocalypse”.

Il metodo è quello del crowdfunding, la raccolta di fondi attraverso microfinanziamenti sul web. […] L’originalità dello scrittore della Louisiana sta nell’aver pensato di dover ricambiare lo sforzo dei lettori con qualcosa di più di un prodotto di qualità. Così Gischler ha stabilito tetti diversi di contributi, da 1 dollaro a 5 mila dollari: a seconda della cifra donata – eccezion fatta per un dollaro che, si legge sul sito, «è solo un modo per dire buona fortuna» -, ogni finanziatore riceverà qualcosa in cambio dall’autore.

Nello specifico: una copia gratuita dell’ebook in anteprima con 5 dollari; una copia e il nome citato nei ringraziamenti con 10 dollari; un contenuto extra con 25 dollari; il nome di un personaggio minore con 100; la promessa di un cameo in un fumetto di prossima uscita con 200 dollari (più copia dell’ebook autografata e il pdf con i contenuti speciali); e il nome di un personaggio importante della storia con 250. A partire da 500 dollari, comincia il bello: è quella, infatti, la cifra per dare il proprio nome al protagonista (maschile e femminile) del romanzo. Per un contributo di 2.500 dollari, Gischler volerà invece ovunque voi siate nei confini americani (unica avvertenza: occorre essere domiciliati negli Usa) per preparare una grigliata in giardino per famiglia e amici e «chiacchierare, bere e meditare sulla fine della civiltà».

[…] «Ho scelto il crowdfunding anche per testare l’effettivo interesse dei lettori rispetto a un eventuale sequel di Black City », afferma l’autore, conosciuto in Italia anche grazie al Sugarpulp Festival di Padova. I risultati non si sono fatti attendere: mancano cinque giorni allo scadere del progetto e lo scrittore ha già superato di quasi il doppio l’obiettivo di 3 mila dollari. Gischler – che sulla pagina Kickstarter compare con il figlio in un divertente video amatoriale – ha promesso ai lettori che se raggiungerà la cifra dei 6 mila dollari, scriverà anche la terza puntata della serie.

Leggi tutto l’articolo di Serena D’Anna su Corriere.it