Lo SugarCon2014 è stato una figata pazzesca, tre giorni di parco giochi che nemmeno Gardaland, per citare il buon Enrico Ozzy Rossi.

Grazie, grazie a tutti. Non saprei davvero cosa dire dopo tre giorni intensissimi, tre giorni stupendi in cui è successo tutto e il contrario di tutto. Noi abbiamo dato il massimo anzi, il 110%.

Tre giorni di parco giochi che nemmeno Gardaland, come ha scritto il buon Enrico Ozzy Rossi su facebook: non c’è frase che riesca a descrivere meglio cos’è stato lo SugarCon2014.

Grazie a tutti voi che avete partecipato agli incontri, alle mostre, alle presentazioni, alle feste, a voi che avete comprato libri, fumetti, magliette, a voi che abbiamo conosciuto tra un libro e una birra, a voi che siete passati anche soltanto per qualche minuto incuriosito da questa banda di pirati della letteratura. Lo SugarCon lo facciamo soprattutto per voi (e anche un po’ per noi, sia chiaro…).

Grazie alle colonne portanti di questo SugarCon2014: Giulia, Andrea, Valentina, Luca, Susanna, Francesca, Emanuela, Chiara, Isa, Irene, Giulio, Erika, Ciprian, Fulvio, Nicolò, Simone, Michele, Barbara, Francesca, Massimo, Francesco, Mauro, Marco e anche tutti quelli che mi sto dimenticando. Senza di voi non ce l’avremmo mai fatta.

Grazie a tutti gli ospiti di questa edizione: scrittori, editori, autori, agenti letterari, attori, sceneggiatori, disegnatori, registi… tutta gente con una carica di umanità pazzesca. Siete tutti delle rockstar, dal primo all’ultimo.

E grazie ai ragazzi che hanno seguito il corso di scrittura creativa: le prossime rockstar della scrittura dovete essere voi, alla quinta edizione del festival vogliamo presentare il vostro libro! E comunque siete delle rockstar a prescindere.

Grazie a Victor Gischler e a Tim Willocks, due persone davvero bigger than life. Potervi chiamare amici ci riempie di orgoglio.

Grazie alle associazioni e alle diverse realtà che hanno reso unico e multiforme questo evento: Nordest Boulevard, Yavin 4, Officina della Barbabietola, Associazione Jeos, Star Wars Cosplay Treviso. Siete tutti dei fighi.

Grazie ai nostri partner: Superflash store, Testi store, Birra Antoniana, Caffè Pedrocchi, Librerie del Centro, HotelM14, Sottopasso della Stua, ZuBar, Scuola di Musica Gershwin, Runa Editrice, LA CASE Books, Sinai Exclusive, Greenpink, Pure Bio. È stato bello fare un po’ di strada insieme e siamo convinti che ne faremo ancora molta in futuro.

Grazie ai nostri partner istituzionali, il Comune di Padova e la Regione del Veneto: a dire il vero avreste potuto fare un po’ di più, ma per fortuna vi daremo modo di recuperare 😉

Grazie anche a un paio di “superospiti” (sic!) che ci hanno tirato il pacco all’ultimo in modo vergognoso. Poco male, lo SugarCon è un evento per molti ma non per tutti, evidentemente non fa per voi. Noi del resto siamo stati benissimo anche senza di voi.

E, alla fine, grazie anche a miei tre scellerati soci: Matteo, Massimo e Andrea (e grazie anche alle nostre mogli/compagne che ci hanno sopportato in queste settimane). Organizzare questa follia è stato un delirio totale e non so più quante ce ne siamo dette, però alla fine ne è valsa la pena. Cazzo se ne è valsa la pena…

Tagged with →