John Connolly, il geniale autore della saga di Charlie “Bird” Parker, protagonista di tre serate evento alla Sugarcon15, il 24 settembre a Fratta Polesine e il 26 Padova.

John Connolly, l’acclamato autore delle serie dedicata al detective privato Charlie “Bird” Parker letti e tradotti in tutto il mondo, sarà il protagonista di tre grandi serate evento alla Sugarcon15.

serata-john-connolly-sugarcon-padova

John Connolly, gli appuntamenti alla Sugarcon15

– Giovedì 24 settembre || ore 21:00 || Villa Badoer, Fratta Polesine || Noir e Territorio. Tavola rotonda con John Connolly, Jason Starr, Fulvio Ervas, Allan Guthrie e Andrea Molesini.

>> Prenota subito il tuo posto gratuito per l’evento

 – Venerdì 25 settembre || ore 21:00 || Caffè Pedrocchi, Padova || Cena di Gala con John Connolly, Jason Starr, Allan Guthrie, Andrea Mutti e Michele Bertilorenzi.

>> Prenota subito il tuo posto per la cena

– Sabato 26 settembre || ore 21:30 || Caffè Pedrocchi, Padova || An Evening with John Connolly. Modera Edoardo Rialti, traduce Marco Piva Dittrich.

>> Prenota subito il tuo posto gratuito per l’evento.

cena-di-gala-sugarcon-padova-caffe-pedrocchi-sugarpulp

John Connolly, bio

Prima di diventare un romanziere a tempo pieno, Connolly ha lavorato come giornalista, barman, funzionario del governo locale, cameriere e fattorino presso i grandi magazzini Harrods di Londra.

Dopo 5 anni come giornalista freelance per il quotidiano The Irish Times, frustrato con la professione, cominciò a scrivere il suo primo romanzo, Every Dead Thing, nel suo tempo libero.

Every Dead Thing rappresenta il debutto per l’anti-eroe di Charlie “Bird” Parker, un ex ufficiale di polizia a caccia l’assassino di sua moglie e la figlia.

Per il suo romanzo d’esordio Connolly è stato nominato per il Bram Stoker Award for Best First Novel e ha vinto il Shamus Award for Best First Private Eye Novel (Connolly è il primo autore non statunitense ad aver vinto questo prestigioso premio)

I suoi romanzi in Italia sono pubblicati da Fanucci Editore.

Books to Die For, scritto insieme all’amico e collega Declan Burke, è stato nominato per un Edgar Award da The Mystery Writers of America, ha vinto l’Agatha Award sezione Best Non-fiction e l’Anthony Award for Best Critical Nonfiction Work.