Anteprima The End of The Tour, Sugarpulp vi regala 15 biglietti per l’anteprima padovana dell’attesissimo film su David Foster Wallace.

The End Of The Tour – Un viaggio con David Foster Wallace è il titolo dell’attesissimo film sulla vita di David Foster Wallace, scrittore che tra la fine degli anni ’90 e i primi anni 2000 più di ogni altro ha diviso critica e lettori: o lo si ama alla follia o non lo si sopporta.

The End of The Tour uscirà nei cinema italiani giovedì 11 febbraio ma noi di Sugarpulp vi rgaliamo 15 biglietti per l’anteprima di martedì 9 febbraio (e cioè domani!) al cinema Multiastra di Padova (inizio spettacolo ore 21.oo).

Come fare per avere i biglietti gratis per andare al cinema? Semplicissimo, scrivete un commento a questo post lasciando un’opinione su Infinite Jest, il libro di riferimento dell’autore americano suicidatosi nel 2008.

Mi raccomando, inserite un indirizzo di mail valido nel form del commento (non vi preoccupate, non verrà visualizzato da nessuno, soltanto da noi che gestiamo il sito) in modo da potervi contattare.

Naturalmente i commenti resteranno nascosti fino a questa sera, quando scoprirete se avete beccato i bigliettozzi gratis per il cinema.

Anteprima-padova-The-End-of-The-Tour-al-cinema-gratis-con-Sugarpulp

The End of The Tour. Un viaggio con David Foster Wallace.

The End of The Tour racconta i cinque giorni di intervista tra David Lipsky (Jesse Eisenberg) e lo scrittore David Foster Wallace (Jason Segel), dopo la pubblicazione nel 1996 del rivoluzionario romanzo di Wallace Infinite Jest.

In questi cinque giorni nasce e si sviluppa tra i due una profonda amicizia. I due scrittori si scoprono, condividono momenti divertenti e reciproche fragilità, ma non si saprà mai quanto realmente sinceri siano stati l’uno con l’altro.

Incredibilmente, l’intervista non fu mai pubblicata, e le cassette audio su cui vennero registrati quei cinque giorni, finirono nello scantinato di Lipsky. I due non si incontrarono più.

Nell’inverno del 1996 due uomini giovani e ambiziosi si imbarcano senza conoscersi in un viaggio di cinque giorni, nei quali emerge che ognuno di loro sta cercando intensamente e nervosamente di capire che posto occupare nella propria vita.

Anteprima-The-End-of-The-Tour-al-cinema-gratis-con-Sugarpulp-

Il primo era il giovane scrittore e giornalista di Rolling Stone, David Lipsky. Il secondo era David Foster Wallace, la “rockstar della letteratura americana”, 34 anni, da poco lanciato come il più brillante degli scrittori, osservatore e voce della sua generazione.

Il film si basa sul libro di Lipsky Come diventare se stessi, pubblicato dopo il suicidio di Wallace nel 2008, edito in Italia da Minimum Fax.

Accolto con entusiasmo al Sundance Festival, il film è diretto da James Ponsoldt su sceneggiatura di Donald Margulies, vincitore del Premio Pulitzer.

È interpretato dal candidato all’Oscar® Jesse Eisenberg (The Social Network) e Jason Segel (noto in Italia soprattutto per la serie How I Met Your Mother).

È prodotto da James Dahl, Matt DeRoss, David Kanter (The Revenant di Iñárritu), Mark C. Manuel e Ted O’Neal; produttori esecutivi Paul Green e Donald Margulies.

The End of The Tour sarà in sala dall’11 febbraio distribuito da Adler.

Guarda il trailer di The End of The Tour su Youtube

Tagged with →  
  • Giovanni

    Il libro Infinite Jest è una grande opera che in qualche modo ha influenzato la narrativa USA, per la potenza espressiva di una ironia che man mano svela una immensa tristezza.

  • Paolo

    Per anni ho considerato questo libro una sorta di compendio della letteratura moderna: dentro ci si poteva trovare la migliore descrizione di una crisi d’astinenza, il miglior dialogo, la migliore rappresentazione della contemporaneità. Dopo qualche anno, la sedimentazione di quella lettura ha lasciato in me una traccia meno importante di quanto pensavo. E’ stato un esperimento necessario per aprire nuove strade, ma ora sono convinto che Wallace abbia dato il meglio di sé nei saggi brevi e nei racconti.

  • sabrina

    Difficle perchè complesso ma indubbiamente importante.
    Anch’io preferisco i saggi brevi e i racconti.